Home news-cfp 21-02-18: presso il TeSS di Stradella lo spettacolo "Carta d'Imbarco" per i giovani del CFP
21-02-18: presso il TeSS di Stradella lo spettacolo "Carta d'Imbarco" per i giovani del CFP
Venerdì 02 Marzo 2018 16:48

Quest’oggi, mercoledì 21 febbraio, gli studenti del CFP di Stradella hanno avuto l’opportunità di partecipare ad uno spettacolo, presso il Teatro Sociale cittadino, dal nome “Carta d’imbarco”: esso aveva lo scopo di approfondire il tema della raccolta differenziata e del riciclo degli scarti, in occasione dell’avvicinarsi della data di inaugurazione del “porta a porta”, nuovo metodo di smaltimento dei rifiuti che avrà inizio a Stradella il primo marzo. 
Ad aprire la mattinata a teatro è stata Paola, rappresentante del Consorzio Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli imballaggi a base Cellulosica), che ha ringraziato il sindaco stradellino e la “Broni-Stradella spa” che si occupa della raccolta. «A molti sembra di non potere fare nulla per l’ambiente, ma non è così -afferma-; serve l’aiuto di ciascuno di voi, che dovete essere educati perché lo scarto sia selezionato e pulito in modo tale che, una volta lavorato, divenga una risorsa. Gli obiettivi che abbiamo raggiunto in Italia, con quasi l’ottanta per cento dei rifiuti riciclati, sono importanti, ma possiamo sempre fare di meglio».

La parola è poi passata al sindaco di Stradella, Piergiorgio Maggi, che ha presentato nuovamente agli studenti il nuovo metodo di raccolta rifiuti che sta per essere inaugurato in città ed ha tentato di sensibilizzarli alla tematica ambientale. «Nel dare l’avvio a questa modalità, staremo a fianco dei cittadini con tolleranza e volontà di formarli alla corretta raccolta differenziata -dichiara-; civiltà e buonsenso devono guidarvi per giovare all’ambiente in cui vivete».

Dopo questo momento introduttivo, l’evento è entrato nel vivo. “Carta d’imbarco” è uno spettacolo che, con il linguaggio semplice e diretto del giornalista e autore Luca Pagliari, prendendo spunto dalla lettera enciclica di papa Francesco ‘Laudato sì’, racconta il viaggio di una scatola di cartone verso una nuova vita grazie al riciclo: dal momento in cui, usata, viene destinata alla raccolta differenziata, fino alla sua rinascita come nuovo imballaggio. 
Lo spettacolo ha mantenuto viva l’attenzione dei giovani, catturati dal racconto del giornalista che ha voluto porre l’accento su come un dettaglio, come il riciclo di una bottiglietta d’acqua, possa fare molto, sia in tema di raccolta differenziata che in tanti altri ambiti della vita. Video, foto e racconti di culture lontane e del modo con cui certi popoli stimano il rifiuto hanno evidenziato come sia possibile fare della diversità una fonte di potenza: traendo da queste popolazioni il grande rispetto verso la natura, è possibile tutti insieme aiutare l’ambiente per consegnare ai posteri una “casa comune” migliore in cui vivere.