Home news-odpf 14/15/16-02-18: 3 giorni Brusson - "I giovani del Santachiara in ricerca"
14/15/16-02-18: 3 giorni Brusson - "I giovani del Santachiara in ricerca"
Venerdì 02 Marzo 2018 16:38

 

“Tre giorni Brusson 2018 - I giovani del Santachiara in ricerca": questo il nome dato ad un'edizione della tradizionale gita in montagna dell'Istituto Santachiara che difficilmente verrà dimenticata. Ottantacinque studenti dal CFP e dal liceo vogherese, nonché dal CFP stradellino, accompagnati dalla Direttrice Stefania Fecchio e dalla Preside Elisa Novelli, e da alcuni docenti (i professori Angela Amendola, Paolo Barbieri, Andrea Borgo, Simona Cazzola, Federica Morini e Simona Procelli) sono partiti nella mattinata di mercoledì 14 febbraio alla volta della Val d'Ayas, ed in particolare verso la Casa Alpina "La Montanara" di Brusson, che li ha ospitati per i successivi tre giorni. 
Come sempre, lo scopo dell'uscita è quello di mettere i giovani di fronte alle meraviglie che solo un paesaggio montano può donare, di consolidare amicizie che rendano meno faticoso il "cammino", di far riflettere in modo allegro e corale su tematiche di grande importanza. Nella prima giornata, così, gli studenti hanno speso alcune ore alla pista di pattinaggio sul ghiaccio: grande è stato il divertimento tra musica, piroette, cadute e spensieratezza. Nella serata, divisi in gruppi, hanno riflettuto sul tema del discernimento vocazionale, argomento scelto per il "Sinodo dei giovani 2018": sono venuti così a conoscenza della sollecitudine pastorale della Chiesa verso i giovani, che devono essere accompagnati nel loro cammino esistenziale verso la maturità, affinché possano scoprire il loro progetto di vita e realizzarlo con gioia. Sogni, aspettative, paure, progetti, delusioni causate da speranze disattese: queste le tematiche emerse dai cartelloni da loro approntati sul tema, presentati e discussi in presenza di Don Cristiano Orezzi nella serata di giovedì.
Il secondo giorno è trascorso invece all'insegna dell'incontro con le meraviglie della natura: in un'atmosfera suggestiva creata da una abbondante nevicata, gli studenti hanno affrontato una passeggiata che li ha portati sino a Servaz, frazione di Extrepieraz, ove si sono trattenuti qualche minuto per osservare lo spettacolo naturale della montagna immersa da una bianca coltre e per scattare qualche foto ricordo. La giornata è poi proseguita con la visita della "fromagerie", ove i giovani hanno potuto conoscere ed acquistare gustosi prodotti locali, e con i tornei di ping-pong, calcio-balilla e carte. Molto sentito ed emozionante é stato il momento serale in compagnia del sacerdote stradellino, accompagnato nella discussione sul tema vocazionale dal giovane psicologo Giuseppe Marino. Il Don, con chiarezza e semplicità, ha introdotto i giovani a riflessioni non banali, sulla scorta di quanto scritto da loro nella serata precedente.
«Sono qui per ascoltarvi per le cose serie che sentite dentro -spiega il Don-; inoltre voglio parlarvi di un'opera antica di Platone, filosofo greco, che parla di Eros, cioè di amore. La vocazione nella vita é imparare ad amare, chi fallisce nell'amore fallisce nella vita. Questo sentimento è un nostro bisogno, ma deve essere accompagnato da amicizia e dal dono di se stessi agli altri per essere bello e puro: solo chi dà tempo, attenzione, spazio agli altri nella vita può essere capace di amare. Famiglia, cultura, fatica e fede sono le quattro radici dell'albero della felicità».
Infine, nella giornata di venerdì, dopo la premiazione dei vincitori dei tornei e di quegli studenti meritevoli di aver riordinato al meglio la propria camera, i giovani hanno potuto mettersi alla prova nella pratica dello sci di fondo: i più "temerari" hanno raggiunto con gli sci Extrepieraz percorrendo il lungo anello che segue prima la riva destra e poi la sinistra dell’Evancon. Dopo un ultimo pranzo insieme ed una preghiemento per le opportunità vissute in questi giorni, i giovani hanno affrontato il viaggio di ritorno, con una consapevolezza nel cuore: in montagna, come nella vita, mete che parevano inarrivabili possono essere raggiunte tenendosi per mano, scansando la paura e non temendo la fatica.
Qui di seguito è allegato il link con la galleria completa delle foto di queste tre giornate sulla neve:

https://drive.google.com/drive/folders/1nXMA2urSHjIJW-ZZUNxv6DvfdDpq022X


 

 

 


 

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 05 Marzo 2018 09:25