Home news-cfp 26-10-17: i ragazzi della sezione alberghiera del CFP di Stradella alla Visita Pastorale
26-10-17: i ragazzi della sezione alberghiera del CFP di Stradella alla Visita Pastorale

“I giovani del Santachiara in ricerca...”: questo il “titolo” che simbolicamente l’Istituto ha voluto dare alla preziosa giornata di giovedì 26 ottobre, in cui Sua Eccellenza Monsignor Vittorio Viola ha incontrato gli studenti vogheresi di Liceo e CFP, nonché gli adulti dei corsi pomeridiani. Ha goduto della fortuna di presenziare a tale giornata anche una rappresentanza di studenti della sezione alberghiera stradellina: accompagnate dai docenti Marina Riccardi e Silvano Vanzulli, le classi III Preparazione Pasti e III Sala-bar, insieme ai corsisti di “MOVE on UP”, hanno avuto il compito di approntare prelibatezze e curare il servizio di esse per il pranzo, cui il Vescovo di Tortona ha presenziato prima di proseguire la Visita Pastorale, tenutosi presso il CFP di Via Zanardi. Ma ciò che questi giovani porteranno nel cuore, non è tanto l’esperienza acquisita in un terreno per loro del tutto nuovo -quello della preparazione di un “catering”-, quanto piuttosto il dialogo che è intercorso tra i giovani e Sua Eccellenza. A colpire i presenti è stata la semplicità del Vescovo, la sua completa disponibilità a rispondere alle curiosità e alle domande dei giovani: le distanze con l’autorità religiosa si sono accorciate, ed i ragazzi hanno potuto apprezzare un discorso che è arrivato dritto ai loro cuori. La “ricerca” di cui si parla nel “titolo” è quella di se stessi, il tema del “Sinodo dei giovani” 2018: la fede ed il discernimento vocazionale. Sua Eccellenza ha raccontato della sua esperienza ed ha incoraggiato i presenti a cercare la propria via, la propria “vocazione” appunto: la strada da percorrere è quella che dona gioia.

«È stato un onore servire il Vescovo, che non avevo mai incontrato di persona e che mi ha colpito piacevolmente ed in modo sincero -racconta Denise, della III Sala-; in questo contesto di riflessione, ho anche avuto l’opportunità di scoprire che il lavoro di sala, da me prima trascurato a favore di quello tipico dei bar, mi affascina e mi diverte: mi piacciono il contatto ed il dialogo che vengono instaurati con gli “avventori”, molto più stretti».

«Non avevo mai curato la preparazione di un catering, ma quello che mi è piaciuto è stato il lavoro di squadra che si è venuto a creare tra noi -racconta Swami-; ciò che ricorderò della giornata è, però, la bontà di una persona che prima conoscevo solo dai giornali. Quello con Vittorio Viola è stato un incontro bellissimo e sono fiera di fare parte della sua Diocesi, perché incarna quello che è il mio pensiero di “Chiesa”: altruismo ed amore verso il prossimo, veri e sinceri, sono i valori che si percepiscono in ogni sua parola».

I giovani cuochi stradellini hanno ricevuto i complimenti per le preparazioni che spaziavano dallo sformatino di zucca con fonduta di Stafforella ai Cannelloni di pasta fresca con ricotta, erbe e passata di topinambour; dal guanciale di maialino con verdure croccanti e cremoso di patate alla tortelletta frangipane con frutta fresca. Gli aspiranti operatori di Sala, invece, si sono distinti per la finezza nella decorazione ed approntamento del locale, nonché per il servizio elegante e professionale.

Bellissimo è stato vedere come il dialogo con il Vescovo abbia scaturito nei nostri studenti stradellini riflessioni sincere e profonde, che speriamo possano aiutarli -e guidarli- nella ricerca di se stessi.